Ci sono almeno 16 situazioni in cui faresti meglio a non fondare una startup. Ma se le conosci puoi trasformarle nei tuoi più grandi punti di forza.

Tempo di lettura: 3 min

Chiunque ha una startup o sogna di fondarne una dovrebbe leggere almeno una volta questo articolo.

Ci sono molte ragioni per cui i progetti falliscono, alcune delle quali sono scritte nel DNA del team e piuttosto ben note agli investitori e mentors più esperti. Questo articolo riporta i consigli di Paul Graham, guru della Silicon Valley e fondatore di Y Combinator, probabilmente il più famoso acceleratore di startup al mondo.

Lavorare in una startup? Why not?!?

Le riflessioni di Paul Graham

Il batch di accelerazione di Y Combinator, nell’estate del 2005, comprendeva otto startup. Di queste otto, ad oggi almeno quattro hanno ottenuto successo. Tre sono state acquisite: Reddit è stata una fusione di due startup (Reddit e Infogami), e una terza è stata acquisita. Un altro successo di quel batch è stata Loopt.

Così circa la metà dei fondatori di quella prima estate, meno di due anni fa, sono ora ricchi, almeno per i loro standard. (Una cosa che si impara quando si diventa ricchi è che ci sono molti gradi).

Anche i fondatori che falliscono non sembrano passare un così brutto momento. Di queste prime otto startup, tre sono probabilmente morte. In due casi i fondatori hanno continuato a fare altre cose alla fine dell’estate. Non credo che siano rimasti traumatizzati dall’esperienza.

La più vicina a un fallimento traumatico è stata Kiko, i cui fondatori hanno continuato a lavorare sulla loro startup per un anno intero prima di essere schiacciati da Google Calendar.

Ma alla fine sono stati felici. Hanno venduto il loro software su eBay per un quarto di milione di dollari. Dopo aver ripagato i loro Angel Investor, gli rimaneva ancora circa un anno di stipendio ciascuno. Poi hanno subito iniziato una nuova e molto più eccitante startup, Justin.TV.

Quindi ecco una statistica ancora più impressionante: lo 0% di quel primo batch ha avuto un’esperienza terribile. Hanno avuto alti e bassi, come ogni startup, ma non credo che qualcuno l’avrebbe scambiata per un lavoro in un cubicolo.

E questa statistica probabilmente non è un’anomalia. Qualunque sia il nostro tasso di successo a lungo termine, credo che il tasso di persone che vorrebbero avere un lavoro regolare rimarrà vicino allo 0%.

Siamo in Silicon Valley e la realtà è quella degli USA, un tantino diversa rispetto a quella italiana. Da noi a livello culturale le cose sono probabilmente un po’ diverse, anche se tra i giovani c’è sempre più una maggiore flessibilità nel lavoro. Il voler sperimentare cose nuove, cambiare spesso azienda e provare a creare qualcosa di nuovo è un trend in netta crescita.

Ma torniamo agli USA e torniamo a Graham.

Il grande mistero è: perché non aumentano le persone che iniziano a lavorare in una startup?

Se quasi tutti quelli che lo fanno lo preferiscono ad un lavoro regolare, e una percentuale significativa si arricchisce, perché non tutti vogliono farlo?

Molte persone pensano che Y Combinator riceva migliaia di domande per ogni ciclo di finanziamento. In realtà di solito ne riceve solo diverse centinaia.

Perché non ci sono più persone che fanno domanda? E anche se a chiunque guardi questo mondo sembra che le startup spuntino come pazzi, il numero è piccolo rispetto al numero di persone con le competenze necessarie.

La grande maggioranza dei programmatori va ancora direttamente dal college al cubicolo, e ci rimane.

Sembra che la gente non agisca nel proprio interesse. Che cosa sta succedendo?

Beh, a questo possiamo rispondere. A causa del posizionamento all’inizio del processo di fundraising delle imprese, siamo probabilmente i maggiori esperti di psicologia delle persone che non sono sicure di voler avviare un’azienda.

Non c’è niente di male nell’essere insicuri. Se sei un hacker che pensa di avviare una startup ed esita prima di fare il salto, sei parte di una grande community.

Larry e Sergey sembrano aver provato la stessa cosa prima di avviare Google, così come Jerry e Filo prima di avviare Yahoo. In effetti, immagino che le startup di maggior successo siano quelle avviate da hacker incerti piuttosto che da uomini d’affari armati.

Abbiamo alcune prove a sostegno di questo. Molte delle startup di maggior successo che Y Combinator ha finanziato hanno ammesso in seguito di essersi decise a fare domanda solo all’ultimo momento. Alcune hanno deciso solo poche ore prima della scadenza.

Il modo di affrontare l’incertezza è quello di analizzarla dividendola in diverse componenti.

La maggior parte delle persone che sono riluttanti a fare qualcosa hanno in testa circa otto ragioni diverse, e non sanno quali sono le più grandi.

Alcune saranno giustificate e altre false, ma a meno che non si conosca la proporzione relativa di ciascuna di esse, non si sa se la propria incertezza complessiva è per lo più giustificata o per lo più fasulla.

Quindi elencheremo tutte le componenti della riluttanza della gente ad avviare delle start-up, e spiegheremo quali sono reali.

Poi gli aspiranti fondatori potranno usare questa check list per esaminare i propri sentimenti.

Considereremo tutte le ragioni per cui potresti non farcela (o non ce la stai facendo), e analizzeremo perché la maggior parte (ma non tutte) dovrebbe essere ignorata. Cominciamo dalla prima, qualcosa che sicuramente non possiamo cambiare.

1. Sei troppo giovane

Molte persone pensano di essere troppo giovani per avviare una start-up e molte di queste hanno ragione. L’età media mondiale è di circa 27 anni, quindi probabilmente un terzo della popolazione può dire di essere troppo giovane.

Che cosa vuol dire “essere troppo giovane”?

Uno dei nostri obiettivi con Y Combinator era quello di scoprire il limite inferiore dell’età dei fondatori di startup. Ci è sempre sembrato che gli investitori fossero troppo conservatori, che volessero finanziare i professori, quando in realtà dovrebbero finanziare i laureandi o anche gli studenti universitari.

La cosa principale che abbiamo scoperto spingendo il limite, non è dove si trova il limite, ma quanto è confuso.

Il limite esterno può essere anche di 16. Non guardiamo oltre i 18 anni, perché le persone più giovani non possono legalmente stipulare contratti. Ma il fondatore di maggior successo che abbiamo finanziato finora, Sam Altman, aveva 19 anni all’epoca.

Sam Altman, tuttavia, è un punto di riferimento periferico. A 19 anni sembrava avere dentro di sé un quarantenne. Ci sono altri diciannovenni che dimostrano di avere 12 anni.

C’è una ragione per cui abbiamo la parola distinta “adulto” per le persone oltre una certa età. C’è una soglia che si attraversa. È fissata convenzionalmente a 21 anni in USA o a 18 in Italia, ma persone diverse la attraversano in età molto diverse.

Sei abbastanza grande per iniziare una start-up se hai superato questa soglia, qualunque sia la tua età.

Come si fa a dirlo? Ci sono un paio di test che gli adulti usano.

Ho capito che questi test esistevano dopo aver incontrato Sam Altman, in realtà. Ho notato che mi sembrava di parlare con qualcuno molto più vecchio. In seguito mi sono chiesto: cosa sto misurando? Cosa lo faceva sembrare più vecchio?

Uno dei test che gli adulti usano è se si ha ancora il riflesso di sfaldamento del bambino. Quando sei un bambino e ti viene chiesto di fare qualcosa di difficile, puoi piangere e dire “Non ce la faccio” e gli adulti probabilmente ti lasceranno andare.

Da bambino c’è un pulsante magico che puoi premere dicendo “Sono solo un bambino” che ti tirerà fuori dalle situazioni più difficili. Mentre gli adulti, per definizione, non sono autorizzati a sfaldarsi. Lo fanno ancora, naturalmente, ma quando lo fanno le conseguenze non sono piacevoli.

L’altro modo per capire se una persona può essere considerata “un adulto” è verificare come reagisce a una sfida. Chi non è ancora adulto tenderà a rispondere a una sfida proposta da da un altro adulto in modo tale da riconoscere la sua sottomissione.

Se un adulto dice “è un’idea stupida”, un bambino o striscerà via con la coda tra le gambe o si ribellerà. Ma ribellarsi presuppone tanto l’inferiorità quanto la sottomissione.

La risposta degli adulti a “è un’idea stupida” è semplicemente guardare l’altra persona negli occhi e dire “Davvero? Perché lo pensi?”

Ci sono molti adulti che reagiscono ancora in modo infantile alle sfide, naturalmente. Quello che non si trova spesso sono i bambini che reagiscono alle sfide come gli adulti. Quando lo fai, hai trovato un adulto, qualunque sia la loro età.

2. Sei troppo inesperto

Una volta ho scritto che i fondatori di una startup dovrebbero avere almeno 23 anni, e che le persone dovrebbero lavorare per un’altra azienda per qualche anno prima di avviare la propria. Non ci credo più, e ciò che mi ha fatto cambiare idea è l’esempio delle startup che abbiamo finanziato.

Continuo a pensare che 23 anni siano un’età migliore di 21 anni. Ma il modo migliore per fare esperienza se si ha 21 anni è avviare una startup.

Quindi, paradossalmente, se sei troppo inesperto per avviare una startup, quello che dovresti fare è avviarne una. Questa è una cura molto più efficace per l’inesperienza rispetto a un lavoro normale.

Infatti, ottenere un lavoro normale potrebbe in realtà renderti meno capace di avviare una startup, trasformandoti in un animale addomesticato che pensa di aver bisogno di un ufficio in cui lavorare e di un product manager che gli dica quale software scrivere.

L’esempio lampante viene dai founders di Kiko. Hanno avviato una startup subito dopo il college. La loro inesperienza li ha portati a commettere molti errori. Ma quando abbiamo finanziato la loro seconda startup, un anno dopo, erano diventati estremamente formidabili.

Non erano certo animali domestici. E in nessun modo sarebbero cresciuti così tanto se avessero passato quell’anno a lavorare in Microsoft, o anche in Google. Sarebbero stati comunque dei programmatori junior diffidenti.

Quindi ora consiglierei alla gente di andare avanti e di iniziare le start-up subito dopo il college. Non c’è momento migliore per correre rischi di quando si è giovani. Certo, probabilmente fallirete. Ma anche il fallimento vi porterà all’obiettivo finale più velocemente di un lavoro.

Mi preoccupa un po’ dirlo, perché in effetti stiamo consigliando alle persone di educare se stesse fallendo a spese degli investitori, ma è la verità.

3. Non sei abbastanza determinato

Ci vuole molta determinazione per avere successo come fondatore di una startup.

La motivazione è probabilmente il miglior “predittore” di successo.

Alcune persone potrebbero non essere abbastanza determinate per farcela. Per me è difficile dirlo con certezza, perché sono così determinato che non riesco a immaginare cosa succede nella testa di chi non lo è. Ma so che esistono.

La maggior parte delle persone probabilmente sottovaluta la propria determinazione. Ho visto molti di loro diventare visibilmente più determinati man mano che si abituano a gestire una startup. Mi vengono in mente diversi team che Y Combinator ha finanziato e che all’inizio sarebbero stati felicissimi di essere comprati per 2 milioni di dollari, ma ora sono impostati sul dominio del mondo.

Come si fa a capire se si è abbastanza determinati, quando Larry e Sergey stessi non erano sicuri all’inizio di avviare una società?

Direi che la prova è se si è sufficientemente motivati a lavorare ai propri progetti. Anche se forse non erano sicuri di voler fondare una società, non sembra che Larry e Sergey fossero dei docili piccoli assistenti di ricerca, che eseguivano obbedienti gli ordini dei loro consulenti. Hanno iniziato dei progetti per conto loro.

4. Non sei abbastanza intelligente

Potrebbe essere necessario essere moderatamente intelligente per avere successo come fondatore di una startup. Ma se siete preoccupati per questo, probabilmente vi sbagliate.

Se sei abbastanza intelligente da preoccuparti di non essere abbastanza intelligente per avviare una startup, probabilmente lo sei.

E in ogni caso, avviare una startup non richiede tanta intelligenza.

Certo, devi essere bravo in matematica per occuparti di matematica. Ma la maggior parte delle aziende fa cose più banali, dove il fattore decisivo è lo sforzo, non il cervello.

La Silicon Valley può distorcere la tua prospettiva su questo, perché qui c’è un culto dell’intelligenza. Le persone che non sono intelligenti cercano almeno di comportarsi in questo modo. Ma se pensate che ci voglia molta intelligenza per diventare ricchi, provate a passare un paio di giorni in alcune delle parti più fantasiose di New York o di Los Angeles.

Se pensate di non essere abbastanza intelligenti per avviare una startup che fa qualcosa di tecnicamente difficile, scrivete semplicemente software aziendale. Le aziende di software enterprise non sono aziende tecnologiche, sono aziende di vendita, e le vendite dipendono soprattutto dallo sforzo.

5. Non sai nulla di business

Questa è un’altra variabile il cui coefficiente dovrebbe essere pari a zero. Non c’è bisogno di sapere nulla di business per avviare una start-up.

L’obiettivo iniziale dovrebbe essere il prodotto. Tutto quello che dovete sapere in questa fase è come costruire le cose che la gente vuole.

Se ci riesci, dovrai pensare a come farci soldi. Ma questo è così facile che si può prendere al volo.

Ricevo un bel po’ di critiche per aver detto ai fondatori di fare qualcosa di grande e di non preoccuparsi troppo di fare soldi. Eppure tutte le prove empiriche puntano in quella direzione: praticamente il 100% delle startup che fanno qualcosa di popolare riescono a farci soldi.

E gli acquirenti mi dicono in privato che le entrate non sono ciò per cui comprano le startup, ma il loro valore strategico. Il che significa che le comprano perché hanno fatto qualcosa che la gente vuole.

Gli acquirenti sanno che la regola vale anche per loro: se gli utenti ti amano, puoi sempre farci soldi in qualche modo, e se non lo fanno, il modello di business più intelligente del mondo non ti salverà.

6. Non hai un co-founder

Non avere un co-founder è un vero problema. La sfida di una startup è troppo grande da sopportare per una sola persona. E anche se ci differenziamo dagli altri investitori su molte questioni, su questo siamo tutti d’accordo.

Tutti gli investitori, senza eccezioni, sono più propensi a finanziarti se hai un co-founder piuttosto che senza.

Abbiamo finanziato due fondatori individuali (solo-founder), ma in entrambi i casi abbiamo suggerito che la loro prima priorità dovesse essere quella di trovare un co-founder. Entrambi l’hanno fatto.

Se non avete un co-founder, cosa dovreste fare? Trovatene uno.

È più importante di qualsiasi altra cosa. Se non c’è nessuno dove vivi che voglia avviare una startup con te, trasferisciti dove ci sono persone che lo fanno. Se nessuno vuole lavorare con te sulla tua idea attuale, passa a un’idea su cui la gente vuole lavorare.

Se sei ancora a scuola, sei circondato da potenziali co-founder. Con il passare degli  anni diventerà sempre più difficile trovarli. Non solo hai una platea più piccola da cui attingere, ma la maggior parte ha già un lavoro, e forse anche una famiglia da mantenere.

Quindi, se avevi amici all’università con cui organizzavi i tuoi progetti per le nuove imprese, resta in contatto con loro il più possibile. Questo può aiutare a mantenere vivo il sogno.

È possibile incontrare un co-founder attraverso qualcosa come un gruppo di utenti o una conferenza. Ma non sarei troppo ottimista. È necessario lavorare con qualcuno per sapere se lo si vuole come co-founder.

La vera lezione da trarre non è come trovare un co-founder, ma che si dovrebbe iniziare una start-up quando si è giovani e si ha ancora una vasta scelta di potenziali co-founders intorno a sé.

7. Non hai un’idea

In un certo senso, non è un problema se non si ha una buona idea, perché la maggior parte delle startup cambia idea comunque (Pivot). Nella media delle startup di Y Combinator, direi che il 70% delle idee cambia totalmente alla fine dei primi tre mesi di accelerazione. A volte questa percentuale sale addirittura al 100%.

Ad esempio in Y Combinator si da poco peso all’idea. Quello che interessa davvero è quali cose fighe hai fatto. Se quello che hai fatto è la versione di una startup promettente, tanto meglio, ma la cosa principale che ci interessa è se sei bravo a fare le cose. 

Ecco la breve ricetta per ottenere idee per l’avvio di una startup:

Trovate qualcosa che manca nella vostra vita, e fornitela, non importa quanto vi sembri specifica.

Steve Wozniak si è costruito un computer. Chi sapeva che tante altre persone lo avrebbero voluto? Un bisogno ristretto ma genuino è un punto di partenza migliore di un bisogno ampio ma ipotetico.

Quindi, anche se il problema è semplicemente che non hai un appuntamento il sabato sera, se riesci a pensare a un modo per risolvere il problema scrivendo un software, sei sulla buona strada, perché molte altre persone hanno lo stesso problema.

8. Non c’è spazio per altre startup

Molte persone guardano al numero sempre crescente di startup e pensano “non potrà continuare per molto così”.

E’ implicito nel loro pensiero un errore: che ci sia un limite al numero di startup che potrebbero esserci. Ma questo è falso.

Nessuno sostiene che ci sia un limite al numero di persone che possono lavorare per un salario in aziende da 1.000 persone. Perché dovrebbe esserci un limite al numero di persone che possono lavorare per il capitale proprio in aziende da 5 persone?

Quasi tutti coloro che lavorano soddisfano un qualche tipo di esigenza. La suddivisione delle aziende in unità più piccole non fa scomparire questi bisogni.

I bisogni esistenti verrebbero probabilmente soddisfatti in modo più efficiente da una rete di start-up che da poche gigantesche organizzazioni gerarchiche, ma non credo che questo significherebbe meno opportunità, perché soddisfare i bisogni attuali porterebbe a qualcosa di più.

Certamente questo tende ad essere il caso degli individui. E non c’è nulla di sbagliato in questo. Diamo per scontate cose che i re medievali avrebbero considerato lussi effeminati, come interi edifici riscaldati a temperature primaverili tutto l’anno.

E se le cose vanno bene, i nostri discendenti daranno per scontate cose che noi considereremmo scioccamente lussuose. Non esiste uno standard assoluto per la ricchezza materiale.

La sanità ne è una componente, e questo da solo è un buco nero. Per il prossimo futuro, la gente vorrà sempre più ricchezza materiale, quindi non c’è limite alla quantità di lavoro disponibile per le aziende e per le start-up in particolare.

Di solito il timore che la crescita delle startup possa essere limitata è implicita in affermazioni come “ci sono solo un numero limitato di startup che Google, Microsoft e Yahoo possono acquistare”.

Probabilmente è vero, anche se la lista degli acquirenti è molto più lunga. E qualsiasi cosa pensiate degli altri acquirenti, Google non è stupido.

La ragione per cui le grandi aziende acquistano le startup è che hanno creato qualcosa di valore. E perché dovrebbe esserci un limite al numero di aziende di valore?

E perché dovrebbe esserci un limite al numero di start-up di valore che le aziende possono acquisire, più di quanto non ci sia un limite alla quantità di ricchezza che le singole persone vogliono?

Forse ci sarebbero limiti pratici al numero di startup che un singolo acquirente potrebbe assimilare, ma se c’è un valore da avere, sotto forma di plusvalore che i fondatori sono disposti a rinunciare in cambio di un pagamento immediato, gli acquirenti si evolveranno per consumarlo. I mercati sono piuttosto intelligenti in questo senso.

9. Hai una famiglia da sostenere

Non consiglierei a nessuno con una famiglia di avviare una start-up.

Non dico che sia una cattiva idea, solo che non voglio assumermi la responsabilità di consigliarla. Sono disposto ad assumermi la responsabilità di dire ai ventiduenni di iniziare una start-up. E se falliscono? Impareranno molto, e quel lavoro alla Microsoft li aspetterà ancora, se ne avranno bisogno. Ma non sono disposto a mettermi contro le mamme.

Quello che si può fare, se si ha una famiglia e si vuole avviare una startup, è avviare un’attività di consulenza che poi si può gradualmente trasformare in un’attività di prodotto. Empiricamente le possibilità di riuscirci sembrano molto scarse. Non produrrete mai Google in questo modo. Ma almeno non sarete mai senza un reddito.

Un altro modo per diminuire il rischio è quello di entrare in una start-up esistente invece di avviare la propria. Essere uno dei primi dipendenti di una startup è un po’ come essere un fondatore, sia nel bene che nel male. Sarai circa 1/n^2 fondatore, dove n è il tuo numero di dipendenti.

Come per la questione dei co-fondatori, la vera lezione è quella di iniziare le startup quando si è giovani.

10. Non vuoi diventare ricco

Questa è la mia scusa per non avviare una startup. Le startup sono stressanti. Perché farlo se non hai bisogno di soldi? Per ogni “imprenditore seriale”, ci sono probabilmente venti persone sane di mente che pensano: “Avviare un’altra impresa? Sei pazzo?”

Sono arrivato vicino ad avviare nuove startup un paio di volte, ma mi tiro sempre indietro perché non voglio che quattro anni della mia vita siano consumati dallo stress. Conosco questo business abbastanza bene da sapere che non si può fare a metà.

Ciò che rende così pericoloso il fondatore di una buona startup è la sua volontà di sopportare lo stress.

Come molte persone, mi piace lavorare. E uno dei tanti piccoli e strani problemi che si scoprono quando si diventa ricchi è che molte delle persone interessanti con cui si vorrebbe lavorare non sono ricche.

Hanno bisogno di lavorare su qualcosa che paghi le bollette. Il che significa che se vuoi averli come colleghi, devi lavorare anche tu in un posto che paga le bollette, anche se non ne hai bisogno. Credo che questo sia ciò che spinge molti imprenditori seriali, in realtà.

11. Non sei pronto per l’impegno

Questo è stato il motivo per cui non ho avviato una startup per la maggior parte dei miei vent’anni. Come molte persone di quell’età, ho apprezzato la libertà più di ogni altra cosa. Ero riluttante a fare tutto ciò che richiedeva un impegno di più di qualche mese.

Né avrei voluto fare nulla che avesse preso completamente il controllo della mia vita come fa una startup. E questo va bene. Se vuoi passare il tuo tempo viaggiando, o suonando in una band, o qualsiasi altra cosa, è un motivo perfettamente legittimo per non fondare un’azienda.

Se si avvia una startup che ha successo, ci vorranno almeno tre o quattro anni di impegno a capofitto.

Quindi non dovresti farlo se non sei pronto per impegni di quella portata.

Sappiate però che, se otterrete un lavoro regolare, probabilmente finirete a lavorare lì per tutto il tempo che una start-up richiederebbe, e vi accorgerete di avere molto meno tempo libero di quanto potreste aspettarvi.

12. Hai bisogno di stabilità

Ci sono persone che hanno bisogno di avere qualcosa di strutturato, di una certa stabilità nella loro vita. Questo sembra essere un modo carino per dire che hanno bisogno di qualcuno che dica loro cosa fare.

Queste persone esistono. Ci sono molte prove empiriche: eserciti, culti religiosi e così via. Anzi, forse sono la maggioranza.

Se sei una di queste persone, probabilmente non dovresti avviare un’attività. Anzi, probabilmente non dovresti nemmeno andare a lavorare per una startup.

In una buona start-up, non ti viene detto molto cosa fare. Ci può essere una persona il cui titolo di lavoro è CEO, ma finché l’azienda ha circa dodici persone nessuno dovrebbe dire a nessuno cosa fare. Sarebbe troppo inefficiente. Ogni persona dovrebbe fare quello che deve fare senza che nessuno glielo dica.

Se questa sembra una ricetta per il caos, pensate a una squadra di calcio:

undici persone riescono a lavorare insieme in modi piuttosto complicati, eppure solo in casi di emergenza occasionali qualcuno dice a qualcun altro cosa fare.

Una volta un giornalista ha chiesto a David Beckham se ci fossero problemi linguistici al Real Madrid, dato che i giocatori provenivano da circa otto paesi diversi. Ha detto che non è mai stato un problema, perché tutti erano così bravi che non hanno mai dovuto parlare. Hanno fatto tutti la cosa giusta.

Come si fa a capire se si è abbastanza indipendenti da avviare una start-up? Se ti accontenti del suggerimento che non lo sei, allora probabilmente lo sei.

13. Hai paura dell’incertezza

Forse alcune persone sono dissuase dall’avviare una start-up perché non amano l’incertezza. Se si va a lavorare per Microsoft, si può prevedere con una certa precisione come saranno i prossimi anni, anzi, con troppa precisione. Se si avvia una startup, potrebbe succedere di tutto.

Beh, se l’incertezza ti turba, posso risolvere il problema per te: se avvii una startup, probabilmente fallirà. Seriamente, però, questo non è un brutto modo di pensare all’intera esperienza.

Sperare per il meglio, ma aspettarsi il peggio. Nel peggiore dei casi, sarà almeno interessante. Nel migliore dei casi si potrebbe diventare ricchi.

Nessuno ti biasimerà se la tua startup sarà un fallimento totale, a patto che abbia fatto uno sforzo serio per fare del tuo meglio. Ci sarà stato un tempo in cui i datori di lavoro avrebbero considerato questo come un marchio contro di voi, ma ora nessun datore di lavoro serio lo farebbe.

Ho chiesto ai manager delle grandi aziende, e tutti hanno detto che avrebbero preferito assumere qualcuno che aveva cercato di avviare una startup e che aveva fallito rispetto a qualcuno che aveva passato lo stesso tempo a lavorare in una grande azienda.

E neanche gli investitori te lo rinfacceranno, a patto che tu non abbia fallito per pigrizia o per incurabile stupidità. Si, è vero che in Europa c’è ancora molto stigma verso il fallimento. Ma le cose cambiano, e cambiano velocemente. In America le aziende, come praticamente tutto il resto, sono usa e getta.

14. Non sai cosa NON vuoi fare

Uno dei motivi per cui le persone che sono state in giro per il mondo per un anno o due diventano dei founders migliori delle persone appena uscite dalle università è che sanno cosa stanno evitando.

Se il loro avviamento fallisce, dovranno trovare un lavoro, e sanno quanto il lavoro faccia schifo.

Se hai fatto qualche stage, potresti pensare di sapere come sono i lavori, ma probabilmente non è così. Gli stage non sono veri e propri lavori. Se trovi un lavoro estivo come cameriere, quello è un lavoro vero. 

Le aziende di software non assumono studenti per l’estate come fonte di manodopera a basso costo. Lo fanno nella speranza di reclutarli quando si laureano. Quindi, anche se sono contenti se produci, non si aspettano che tu lo faccia.

Questo cambierà se dopo la laurea si ottiene un lavoro vero e proprio. Allora dovrai guadagnarti il tuo mantenimento. E dato che la maggior parte di ciò che fanno le grandi aziende è noioso, dovrai lavorare su cose noiose. Facile, in confronto all’università, ma noioso.

All’inizio può sembrare fico essere pagati per fare cose facili, dopo aver pagato per fare cose difficili all’università. Ma dopo qualche mese l’effetto svanisce. Alla fine diventa demoralizzante lavorare su cose stupide, anche se è facile e ti pagano molto.

E non è la cosa peggiore. La cosa che fa veramente schifo nell’avere un lavoro regolare è l’aspettativa che tu debba essere presente in certi momenti. Anche Google ne è afflitto, a quanto pare.

E questo significa, come tutti quelli che hanno avuto un lavoro regolare possono dirti, che ci saranno momenti in cui non avrai assolutamente voglia di lavorare a qualcosa, e dovrai comunque andare al lavoro e sederti davanti al tuo schermo e far finta di farlo. Per qualcuno che ama il lavoro, come la maggior parte dei bravi hacker, questa è una tortura.

In una startup, si salta tutto questo. Nella maggior parte delle startup non c’è il concetto di orario d’ufficio. Il lavoro e la vita si mischiano insieme. Ma la cosa positiva è che a nessuno importa se si ha una vita lavorativa.

In una startup si può fare quello che si vuole il più delle volte. Se sei un fondatore, quello che vuoi fare la maggior parte delle volte è il lavoro. Ma non devi mai fingere di farlo.

Se fai un pisolino nel tuo ufficio in una grande azienda, sembrerebbe poco professionale. Ma se stai avviando una start-up e ti addormenti a metà giornata, i tuoi co-fondatori penseranno che sei stanco.

15. I tuoi genitori vogliono che tu sia un medico

Un numero significativo di aspiranti fondatori di start-up sono probabilmente dissuasi dai loro genitori. Non dirò che non dovresti ascoltarli.

Le famiglie hanno diritto alle proprie tradizioni, e chi sono io per discutere con loro? Ma vi darò un paio di motivi per cui una carriera sicura potrebbe non essere quello che i vostri genitori vogliono davvero per voi.

Uno è che i genitori tendono a essere più conservatori per i loro figli di quanto lo sarebbero per loro stessi. Ma sbagliare dal lato del conservatorismo è comunque sbagliare. In quasi tutto, la ricompensa è proporzionata al rischio.

Così, proteggendo i figli dal rischio, i genitori, senza rendersene conto, li proteggono anche dalle ricompense. Se lo vedessero, vorrebbero che si corressero più rischi.

L’altro motivo per cui i genitori possono sbagliarsi è che, come i generali, combattono sempre l’ultima guerra.

Se vogliono che tu sia un medico, è probabile che non sia solo perché vogliono che tu aiuti i malati, ma anche perché si tratta di una carriera prestigiosa e redditizia. Ma non così lucrativa o prestigiosa come lo era quando si sono formate le loro opinioni.

Quando ero un ragazzino negli anni Settanta, il medico era la cosa giusta da fare. C’era una sorta di triangolo d’oro che coinvolgeva i medici, le Mercedes 450SL e il tennis. Tutti e tre i vertici ora sembrano piuttosto datati.

I genitori che vogliono che tu sia un medico possono semplicemente non rendersi conto di quanto le cose siano cambiate.

Sarebbero così infelici se tu fossi Steve Jobs?

Quindi penso che il modo di trattare le opinioni dei tuoi genitori su ciò che dovresti fare sia trattarli come richieste di funzionalità. Anche se il vostro unico obiettivo è quello di compiacerli, il modo per farlo non è semplicemente quello di dare loro quello che chiedono.

Pensate invece al perché chiedono qualcosa e vedete se c’è un modo migliore per dare loro ciò di cui hanno bisogno.

16. Pensi che trovarti un lavoro, proprio come fanno tutti, sia l’unico modo giusto di vivere la vita

Questo ci porta all’ultima e probabilmente la più potente ragione per cui le persone scelgono un lavoro normale: è la cosa predefinita da fare. 

A quasi tutti, tranne che ai criminali, sembra un assioma che se hai bisogno di soldi, dovresti trovarti un lavoro.

In realtà questa tradizione non ha molto più di cento anni. Prima di allora, il modo di guadagnarsi da vivere era l’agricoltura. È un pessimo piano trattare come assioma qualcosa che ha solo cento anni. Per gli standard storici, è una cosa che sta cambiando piuttosto rapidamente.

Forse stiamo assistendo a un altro cambiamento del genere proprio in questo momento. Ho letto molta storia economica, e capisco abbastanza bene il mondo delle startup, e mi sembra abbastanza probabile che ora stiamo vedendo l’inizio di un cambiamento come quello dall’agricoltura alla produzione.

E sapete una cosa?

Se tu fossi stato in giro quando è iniziato quel cambiamento (circa 1000 anni fa in Europa) sarebbe sembrato a quasi tutti che scappare in città per fare fortuna fosse una cosa folle da fare.

Anche se ai servi era in linea di principio vietato lasciare le loro mansioni, non può essere stato così difficile scappare in città. Non c’erano guardie a pattugliare il perimetro del villaggio.

Ciò che impediva alla maggior parte dei servi di andarsene era che sembrava follemente rischioso.

Lasciare il proprio appezzamento di terra? Lasciare le persone con cui hai trascorso tutta la tua vita, per vivere in una gigantesca città di tre o quattromila perfetti sconosciuti? Come vivresti? Come ti procureresti il cibo, se non lo coltivassi?

Per quanto gli sia sembrato spaventoso, siamo ormai abituati a vivere sfruttando il nostro ingegno.

Quindi, se vi sembra rischioso avviare una start-up, pensate a quanto fosse rischioso per i vostri antenati vivere come lo è ora.

Ora guardiamo ai contadini medievali e ci chiediamo come hanno fatto a sopportarlo. Quanto dev’essere stato triste coltivare gli stessi campi per tutta la vita senza speranza di qualcosa di meglio, sotto il pollice di signori e sacerdoti da riconoscere come onorabilissimi padroni ai quali dare tutto il guadagno?

Non mi sorprenderei se un giorno la gente guardasse indietro a quello che noi consideriamo un lavoro normale allo stesso modo.

Quanto sarebbe triste fare il pendolare ogni giorno in un cubicolo di un qualche complesso di uffici senz’anima, e sentirsi dire cosa fare da qualcuno che devi riconoscere come capo, qualcuno che potrebbe chiamarti nel suo ufficio e dirti “siediti”, e tu ti siederesti!

Immaginate di essere tristi la domenica pomeriggio perché il fine settimana era quasi finito, e domani dovreste alzarvi e andare al lavoro. Come hanno fatto a sopportarlo?

È emozionante pensare che potremmo essere sull’orlo di un altro turno come quello dall’agricoltura alla produzione. Ecco perché mi preoccupo delle startup.

Le startup non sono interessanti solo perché sono un modo per fare un sacco di soldi. Non potrebbe fregarmene di meno di altri modi per farlo, come la speculazione sui titoli. Al massimo sono interessanti come gli enigmi. C’è di più con le startup. Possono rappresentare uno di quei rari, storici cambiamenti nel modo in cui viene creata la ricchezza.

Hai una startup o ti piacerebbe avviarne una?

Partecipa al nostro Programma di Pre-Accelerazione Gratuito Online!
Entrerai a far parte della nostra community di folli innovatori, avrai a disposizione mentorship e formazione di qualità per realizzare le tue idee, accederai a sconti esclusivi sui migliori tools e potrai partecipare ai nostri Corporate Startup Program, avvincenti sfide di innovazione lanciate da grandi aziende e multinazionali.

REGISTRATI ORA E INIZIA SUBITO

SE SEI UNA CORPORATE

Entra in contatto con noi per conoscere meglio i nostri Startup Corporate Program, dei programmi di pre-accelerazione della durata di tre mesi fatti su misura per te in cui facciamo scouting dei migliori team di talenti che lavorano all’innovazione dei tuoi prodotti o processi, su un tuo brief e controllati da noi. Tutto ciò secondo i temi della sostenibilità.

SE SEI UNA STARTUP

Abbiamo due opzioni per te!

Candidati ad un programma di pre-accelerazione di tre mesi sponsorizzato da una corporate globale, la sfida è stravolgere il modo in cui opera o i suoi prodotti; durante il programma imparerai la metodologia Lean per fare startup, entrerai in contatto con altri talenti come te e con mentor di valore.

Oppure scopri la nostra piattaforma gratuita per sviluppare la tua startup, ti cambierà la vita. Eccola qui!

CHI SIAMO

Nata nel 2015 come una community di innovatori per supportare le startup early stage a validare il modello di business, dal 2016 ad oggi Peekaboo è una SRL startup innovativa che offre ai propri clienti (PMI e Corporation) programmi di formazione imprenditoriale, di Open Innovation, Idea Validation e formazione su soft skills digitali. Siamo un team giovane e agile in grado di aiutare colossi come Enel (e altre) e decine di startup ogni anno.

Abbiamo sede nelle città di Roma e Milano, siamo attivi su tutto il territorio nazionale senza limiti di spazio.

Diffondi il verbo degli innovatori folli: condividi l’articolo con i tuoi amici!