Skip to main content

Oltre 200 idee innovative e 3 mesi di formazione e accelerazione per il Nestlé Lean Startup Program, il programma di open innovation realizzato in partnership da Nestlé e Peekaboo

Tempo di lettura: 3 min

Si è concluso a fine gennaio l’edizione del Nestlé Lean Startup Program partita a metà settembre 2020, per un totale di oltre 3 mesi di formazione e accelerazione di idee innovative in ottica di open innovation.

Il Nestlé Lean Startup Program, realizzato in partnership da Nestlé e Peekaboo si è posto l’obiettivo di offrire un supporto concreto all’imprenditoria giovanile in questo momento difficile, non solo attraverso formazione e supporto di qualità, ma anche attraverso un premio di 10.000 euro per i vincitori messo a disposizione da Nestlé.

L’iniziativa ha raccolto oltre 200 idee imprenditoriali, legate a tre aree di sviluppo particolarmente importanti per l’azienda: personalizzazione dei prodotti, educazione alimentare e innovazione del processo di recruiting.

Le migliori idee e i team più promettenti hanno avuto accesso ad un percorso di oltre tre mesi in cui i giovani imprenditori hanno acquisito gli strumenti e le competenze per lavorare in chiave digitale e tecnologica.

Al termine del programma, i 15 i progetti innovativi approdati alla fase finale hanno avuto modo di confrontarsi direttamente con il management di Nestlé e di presentare le proprie soluzioni ad una commissione di esperti.

La giuria ha decretato come vincitori delle tre categorie:

  • Personalizzazione esperienza d’acquisto: team Astra – composto dai 18enni Emanuele Sacco, Pietro Cappellini, Luigi Masini e dal 17enne Ludovico Fiorella – 4 ragazzi giovanissimi che si sono conosciuti alle scuole superiori e partecipano regolarmente a Hackathon e percorsi di innovazione
  • Bambini e sana alimentazione: team Ally, composto dai 25enni Giulia Diletta Necci e Matteo Calvaresi. Giulia è una nutrizionista con una laurea ottenuta al Campus Biomedico di Roma e attualmente collabora come responsabile scientifica di una startup di integratori, mentre Matteo è un programmatore con la passione per l’innovazione e la tecnologia
  • Ricerca e selezione di talenti: team Steps – composto dai 25enni Matteo Trovò, Anton Morale, Nicolò Caruzzo – che, nonostante la giovane età dei suoi membri, ha già dato vita un anno fa a una startup di Employer Branding per permettere alle aziende di creare vivai di giovani talenti

Il Nestlé Lean Startup Program ha coinvolto in totale 52 ragazzi, 6 mentor di Nestlé, 8 mentor di Peekaboo e sono state erogate oltre 70 ore di formazione.

Grazie a questa iniziativa, Nestlé ha dato la possibilità ai giovani imprenditori di confrontarsi con i manager di una grande realtà multinazionale e di presentare le loro proposte innovative, che l’azienda valuterà per un’eventuale collaborazione.

Grazie a questa iniziativa, Nestlé ha dato la possibilità ai giovani imprenditori di confrontarsi con i manager di una grande realtà multinazionale e di presentare le loro proposte innovative, che l’azienda valuterà per un’eventuale collaborazione.

Aiutiamo Grandi e Piccole Aziende nei Processi di Open Innovation, Corporate Entrepreneurship ed Employer Branding

Dal 2015 Peekaboo è la più grande community italiana per l’innovazione sostenibile. La sua missione è aiutare le persone a trasformare le proprie idee in realtà, attraverso un supporto altamente qualificato fin dalle primissime fasi di sviluppo del progetto (early stage), nella validazione del modello di business e attraverso programmi di formazione imprenditoriale, di open innovation, idea validation e soft skills digitali e manageriali.

Peekaboo ha sede a Roma e a Milano e collabora attivamente con i maggiori acceleratori di startup, con enti pubblici ed Università, oltre che con multinazionali e PMI per lo sviluppo di programmi formativi su misura, scouting di startup e idee di innovazione sostenibile e realizzazione di programmi di open innovation, corporate entrepreneurship ed employer branding.

SCOPRI LE NOSTRE SOLUZIONI CORPORATE

Diffondi il verbo degli innovatori folli: condividi l’articolo con i tuoi amici!