Skip to main content

Cos'è l'elevator pitch e come si imposta un pitch deck efficace per la presentazione della tua startup.

Tempo di lettura: 5 min

Elevator PitchPitch è una presentazione di vendita in 5 minuti per convincere gli investitori ad interessarsi a voi.

L’obiettivo principale è riuscire ad ottenere un appuntamento di approfondimento con un investitore o potenziale cliente.

È bene saper strutturare un buon slide deck, ecco alcuni consigli:

Impostare una cover minimalista, con nome dell’idea ben visibile con il logo in armonia con il layout. Con la cover fate una breve un’introduzione di voi stessi e dell’idea.

Esplicitare il problema a cui proponete una soluzione o l’opportunità che state offrendo: un’apertura d’impatto può iniziare con “Vi è mai capitato di…?”, in modo che non si parli di un discorso astratto, ma rendere un problema reale.

L’ingaggio funziona se si colpisce l’anima dell’ascoltatore.

Competition: mettersi a confronto con i competitors e sottolineare cosa fornite in più, o in cosa siete differenti da loro.

In questo momento dovete allacciarvi alla vostra Value Proposition, la vostra promessa di valore. Potete rappresentare la vostra offerta differente dai competitors con un piano cartesiano oppure una tabella (gettonata tra i freemium).

Dichiarare il volume d’affari e il CAGR, ovvero di quanto cresce e/o decresce un mercato in base ad una determinata frazione di tempo e in una specifica area geografica.

Inoltre, mostrare sempre la fonte (attendibile) da cui abbiamo preso i dati.

Il business model: spiegare come l’azienda organizza se stessa, le attività e ovviamente l’offerta. Il business model deve rispondere alla domanda “Come fare i soldi?”.

Costruire e rispettare la RoadMap, composta da una serie di Milestones (obiettivi) che si devono conseguire entro un certo tempo con determinati risultati, altrimenti l’azienda non è sostenibile.

Traction: esporre le metriche raggiunte e il tasso di crescita, poichè la traction segna quanto l’azienda fa presa sul mercato e quanto migliora di visibilità;

Annunciare la richiesta d’investimento, cioè calcolare la cifra di cui si necessita ed illustrare (magari con uno schema a torta o simili), come viene spartita, per esempio: 40% per lo sviluppo e il 60% per il marketing.

Presentare il team con foto e didascalie riguardo il loro ruolo, le skills e il background culturale.

Chiudere con la Call to Action, la quale deve essere diretta e chiara, che riesca ad incuriosire gli investitori in modo che si interessino a voi. In questa slide consigliamo di inserire il vostro nome e cognome, la vostra mail e il nome del sito del progetto.

Per concludere, ricordiamo che anche il 70% della comunicazione è non verbale quindi: guardate le persone negli occhi sentendovi a vostro agio, non rimanete a guardare punti fissi e non muovetevi troppo.

Fate attenzione al tono della vostra voce in modo che sia chiaro. Oltre a ciò preparate il discorso in prima persona e ripetetelo monitorando il tempo e in aggiunta ripetete di nuovo il discorso con le slides, in modo da seguire un ritmo.

Hai una startup o ti piacerebbe avviarne una?

Scopri i nostri programmi di formazione e pre-accelerazione per startup!
Farai parte della nostra community di folli innovatori, avrai a disposizione mentorship e formazione di qualità per realizzare le tue idee, accederai a sconti esclusivi sui migliori tools e potrai partecipare ai nostri Corporate Startup Program, avvincenti sfide di innovazione lanciate da grandi aziende e multinazionali.

SCOPRI DI PIU'

Diffondi il verbo degli innovatori folli: condividi l’articolo con i tuoi amici!